Pentole Staub: le mode passano, la qualità resta

19 Novembre 2019

Dalla Francia alla Cina, dagli Stati Uniti al Giappone, sono presenti nelle cucine più titolate. Le hanno scelte, tra gli altri, Paul Bocuse, ma anche Hiroyuki Hiramatsu, Laurent Tourondel, Stefan Stiller.

Le pentole Staub sono un marchio di riferimento internazionale. Un marchio sempreverde. Passano le mode, ma alcune attrezzature attraversano da decenni il mondo della gastronomia proponendo al mercato forme che si adattano alle epoche e alle esigenze professionali. Le pentole Staub (coquette, casseruole, tegami, gratella, paellera, cozziera) non sono semplici strumenti di lavoro, ma complementi d’arredo per la tavola. Oltre ad essere funzionali, sono belle da vedere, di colore nero opaco, misteriose e accattivanti come le ricette dei grandi maestri di cucina.

L’azienda è stata fondata nel 1974 da Francis Staub in Alsazia francese, regione nota per la sua raffinata gastronomia, dove produce tutti i suoi articoli in ghisa smaltata. Dal giugno 2008 Staub fa parte del gruppo tedesco Zwilling, specializzato nella coltelleria e negli utensili da cucina di alta gamma.

Le pentole Staub si possono utilizzare su tutti i piani di cottura, compresi quelli a induzione

La ghisa smaltata è compatibile con tutti i piani di cottura, compresi quelli a induzione. «In questo caso – spiega Ivan Pierinelli, responsabile vendite di Ros – si deve iniziare la cottura scaldando a un terzo della potenza per i primi 5 minuti, per poi passare alla potenza desiderata. La funzione “booster” va utilizzata con cautela. Ancora. Dovendo spostare una pentola su un piano di cottura a induzione oppure in vetro-ceramica, nel caso ci fosse sale o altro tra la base della pentola e il piano, è consigliabile evitare di farla scivolare. Le pentole Staub possono essere utilizzate anche in forno, a esclusione, naturalmente, di quelle con manico in legno». Annotazioni di buon senso che è bene, comunque, sempre rinfrescare per ottenere il massimo grado di efficienza.

La celebre cocotte Staub, la pentola in ghisa per la cottura a fuoco lento, è realizzata con un processo produttivo di fusione e colata in uno stampo unico di sabbia pressata. La ghisa, va ricordato, è il materiale più indicato per mantenere i cibi morbidi e succosi.

A sua protezione viene applicato, a oltre 800°C, uno smalto coprente e in aggiunta uno colorante vetrificato. È igienico e resistente agli sbalzi termici e alle alte temperature. Doppio smalto anche per la finitura interna. In questo caso lo smalto nero opaco è stato studiato sia per ottenere i migliori risultati nel brasare, arrostire e caramellare sia per garantire un’elevata resistenza ai graffi e alle temperature elevate. Si mantiene integro a lungo nel tempo ed è facile da pulire. Un prodotto unico proposto anche in una seducente gamma cromatica.

Pentole Staub: efficienza in cucina, eleganza in tavola

«I manici – ricorda Pierinelli – sono stati studiati per garantire una presa sicura, mentre il coperchio chiude ermeticamente la cocotte grazie al suo peso elevato. In questo modo l’acqua evaporata con la cottura resta nella pentola con tutti gli aromi degli ingredienti e si riversa sugli alimenti grazie alla presenza di semisfere distribuite sulla superficie. Un ciclo di vapore continuo, un effetto pioggia che consente a quanto è in cottura di rimanere tenero e succoso, senza bruciarsi».

Alcuni deI NOSTRI PRODOTTI STAUB

cocotte staub

SEMBRA CHE AL MOMENTO
LA PAROLA D’ORDINE
SIA RITORNATA DELIVERY!

Noi siamo stati pronti durante il lockdown
e adesso vogliamo esserlo ancora una volta.